Paola Ianes

Paola Ianes

Email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Giovedì, 17 Marzo 2016 12:46

PROGETTO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

IL VIAGGIO DEL KROMER – JUNG AUF ALTEN WEGEN DIE REISE EINES KROMERS.

DAI VIAGGI DI LAVORO ALLO SCAMBIO CULTURALE LUNGO GLI ANTICHI CAMMINI D’EUROPA.

Ricostruzione dell’incontro di due adolescenti, uno vissuto in val dei Mocheni   e l’altro nel Tirolo del nord in epoca asburgica, attraverso il racconto del viaggio, i dialoghi con le persone incontrate lungo il cammino, la scoperta del territorio del Land Tirol.

Venerdì, 03 Giugno 2016 00:00

"A piedi... conclusione del progetto"

Lunedì 24 ottobre i ragazzi delle tre classi che nello scorso anno avevano partecipato al progetto avranno finalmente la possibilità di confrontarsi direttamente con l'autore
 
 

Si è concluso nel migliore dei modi  il progetto basato sul libro dello scrittore Paolo Rumiz "A piedi".

Le tre classi che hanno letto il libro e giocato in piattaforma hanno infatti provato l'esperienza del camminare sulle tracce dell'autore con la gita scolastica nei luoghi protagonisti del diario di Rumiz.

alt"Trieste è ai miei piedi e pare già lontana".

alt"Continuo sull'orlo dell'altopiano con vista stupenda in tutte le direzioni".

alt"In posti così l'erba è pettinata come il pelo sulla schiena di un cavallo e non crescono alberi, così il paesaggio è visibile senza ostacoli"

alt"Il sole picchia ma sono protetto dalla boscaglia, un intrico di carpini, frassini e querce che mi fornisce un'ombra provvidenziale".

alt"..infilo una strada bianca in salita verso ovest, cerco di cavalcare l'ultima propaggine dell'Istria con l'Adriatico sui due lati".

alt"Poi è l'ultimo strappo. Cinque chilometri per il promontorio dei promontori, l'imbarco di tutte le rotte e il trampolino di tutti i tuffi del Mediterraneo".

Dai diari di viaggio dei ragazzi :

"Abbiamo camminato in mezzo al verde e al mare. Non è stato per niente pesante camminare, anzi, molto bello.."

                                                                         Sofia

"Rumiz tiene un diario del suo viaggio, ed è quello che sto facendo ora anch'io. Tenere un diario è bello perchè puoi scrivere le cose che vedi, e rileggendolo puoi ripensare a quei momenti e dire  :  - Che bello che è stato! Potessi ritornare a quel giorno!-".

                                                                        Aurora

"Ho capito perchè Rumiz scrive il suo diario al momento, rende più facile descrivere gli ambienti o gli stati d'animo e so che se avessi scritto questo diario la sera non sarei riuscita a descrivere al meglio questa giornata".

                                                                       Serena

"Questa gita oltre che istruttiva è stata molto bella e divertente specialmente grazie alla compagnia dei compagni senza bisogno dei cellulari".

                                                                         Nadia N.

 

 

Venerdi 3 giugno, rinfrancati dalla gita, le classi hanno affrontato l'ultima sfida...terminata con la vittoria ( per un soffio ) della classe 2D.

 

2B

2D

2E

PRIMA SFIDA

50,5

62

53

SECONDA SFIDA

101,5

99

100

TERZA SFIDA

80

95

102

DIARI DI VIAGGIO

11

6

8

SFIDA FINALE

33

33

31

TOTALE PUNTEGGIO

276

295

294

 

Sono stati premiati anche gli alunni che hanno totalizzato il maggior numero di punti sulla piattaforma :

1°Debora Simonini

2° Martino Micheletti

3° Francesca Simonini

 
 
 
Martedi 24 maggio le classi si sono sfidate con dei giochi sulle ultime 3 giornate di cammino.
Questa volta, oltre alla ricostruzione dei percorsi e di alcune pagine del libro, si sono confrontati con le figure retoriche presenti nel testo ma hanno dovuto anche inventarne qualcuna:
ecco le creazioni dei ragazzi di 2b:
Nuvole di pensiero mi tormentano.
La pancia della montagna sta piangendo sassi.
 
Un ulteriore gioco prevedeva l'interpretazione del pensiero critico e di alcune frasi di Rumiz particolarmente significative.
Questi i risultati della terza sfida :
2B :  80 PUNTI
2D : 95 PUNTI
2E : 102 PUNTI
 
 
Le classi seconde B, D e E hanno iniziato la lettura del libro :


A PIEDI /di Paolo Rumiz ; ill. da Alessandro Baronciani. - Milano : Feltrinelli, 2012. - 119 p. - (Feltrinelli Kids. Saggistica narrata).

La lettura del libro è inserita in un progetto che prevede una serie di giochi che i ragazzi troveranno in piattaforma a partire dal mese di marzo ( sull’esempio della trasmissione  televisiva “Per un pugno di libro” e di altre sfide di lettura) per una messa alla prova individuale. 

Venerdì, 30 Marzo 2018 11:29

CENTO CLASSI IN MONTAGNA

Dal 19 al 23 marzo le classi seconde della nostra scuola hanno partecipato al progetto del CONI a Caldès e hanno provato gli sport di montagna con le guide di Trentino Wild.

Il primo giorno le classi 2D e 2E hanno visitato l'area faunistica del  Parco nazionale dello Stelvio sotto la neve ma poi i ragazzi hanno potuto affrontare l'orienteering, le battaglie a paintball e i percorsi del parco avventura accompagnati da un bel sole, che ha accolto anche gli studenti delle classi 2A e 2b.

A breve nel Blog dei ragazzi potrete leggere le loro "avventure" !

Venerdì, 30 Marzo 2018 11:16

FINALE PROVINCIALI DI BASKET

SIAMO IN FINALE PER IL TITOLO DI CAMPIONI PROVINCIALI!

Superata con facilità la fase provinciale per la squadra A siamo alle finali per il titolo di Campioni Provinciali.

Nella palestra delle Pedrolli di Gardolo i nostri ragazzi hanno avuto la meglio sulle rappresentative di Trento 7, Trento 5 e Trento 2.

I nostri 4 alunni  delle Winkler hanno dato il 50% delle loro potenzialità superando facilmente  tutti  gli avversari.

Siamo in finale per   il titolo di CAMPIONI PROVINCIALI ! 

gare previste per Venerdì 13 aprile .

 

Martedì, 09 Aprile 2019 11:56

Laboratorio Lipu

 

Siamo quasi arrivati alla fine del nostro progetto con la Lipu.

Abbiamo lavorato per diverse lezioni con un’esperta della Lipu di nome Elisa.

Durante il primo incontro abbiamo guardato un video sulla liberazione di un’aquila reale e anche di un gufo reale. Poi abbiamo visto dei video delle foto trappola di alcuni rapaci e di un furetto. Ci hanno poi spiegato cosa mangiano alcuni uccelli in base alla forma del becco.

La settimana dopo siamo andati in cucina a costruire mangiatoie fatte con scorze di mezza arancia, tazzina e piattino, barattoli o bottiglie di plastica tagliate in modo adeguato, cartoni del latte, pigne con grasso e semi.

Le abbiamo riempite con semi e pasta per fare delle specie di canederli.

Nel terzo incontro siamo andati all’esterno per riempire e posizionare altre mangiatoie per poi andare in aula informatica a scrivere un testo su quello che avevamo fatto in questi giorni.

Durante l’ultima settimana siamo andati alla sede della Lipu al Bosco della Città.

Cristian M. classe 1B

Venerdì, 22 Marzo 2019 09:14

Brutta peste a teatro

Lunedì 18 marzo con la mia classe 1B  siamo andati a teatro a vedere “Brutta peste” : una lezione spettacolo che ci ha scaraventato nel bel mezzo delle invasioni barbariche, attraverso le superstizioni e i timori dell’anno mille, tra contratto feudale ed innovazioni tecniche fino all’età comunale e alla peste del 1348.

Nello spettacolo c’erano due personaggi. Era come una lezione di storia che il professor Nicolodi spiegava alla classe immaginaria . Dopo lo spettacolo ha parlato anche l’autore della storia. E noi abbiamo iniziato a fare delle domande. È stato bello imparare una lezione di storia al teatro che invece dal libro!!!

 

 Poi siamo ritornati a scuola.

Henri

 

Mercoledì, 31 Gennaio 2018 14:22

LA SCUOLA ALLA RSA...

CONTINUA L'ESPERIENZA DELLA NOSTRA SCUOLA ALLA RSA ECCO IL RACCONTO DI UN'ALTRA STUDENTESSA DELLA 2D Il giorno 29 novembre Irene, io e altri ragazzi di classi diverse, accompagnati dalla prof. Riolo, siamo andati alla Casa di Riposo. Questo edificio si trova vicino alla nostra scuola, quindi siamo andati a piedi. Appena arrivati ci hanno accolti delle assistenti/infermieri; ci siamo divisi in gruppi da tre o da quattro e ognuno di noi si è presentato agli anziani e ai presenti. La signora con cui mi sono trovata in gruppo si chiama Gioconda. Abbiamo giocato a “Non ti arrabbiare” e per tre partite di fila ha sempre vinto lei. Ero molto curiosa di provare questa esperienza perché non sono mai andata e volevo vedere come era. Mi è molto piaciuta perché mi sono trovata in gruppo con una signora molto gentile. Mi farebbe molto piacere ritornarci e giocare ancora con loro. Martina
Venerdì, 15 Dicembre 2017 10:48

INCONTRI ALLA RSA

Caro diario,

oggi sono andata alla casa di riposo insieme alla mia compagna Silvia. abbiamo giocato con gli anziani, abbiamo scherzato e ci siamo divertiti.

mi è piaciuto vedere gli anziani molto felici.

Michelle

 

Caro diario,

oggi sono andato alla casa di riposo assieme ad alcuni ragazzi della scuola. Ho incontrato due anziani : uno si chiamava Camillo e aveva 90 anni, mentre l'altra signora si chiamava Maria e aveva 99 anni.

Una volta là ci siamo messi a giocare a "Non t'arrabbiare" ed abbiamo fatto delle squadre : io e Camillo contro Maria.  Questo gioco non mi è sembrato gli piacesse molto, quindi dopo non molto abbiamo cambiato attività. Abbiamo giocato a Memory e questo mi è sembrato gli piacesse di più.

Christian

 

Caro diario,

oggi sono andato alla RSa con la scuola.

quando siamo arrivati ci hanno fatto togliere le giacche, e ci hanno fatto conoscere le signore anziane.

Io e le tre signore abbiamo giocato a "Non ti arrabbiare" . Dopo un po' ho capito che le signore avevano un po' di problemi di udito, vista e memoria; dovevo immaginarlo.

E' stata una bella esperienza, mi piacerebbe rifarla.

 

Caro diario,

sono stata alla casa di riposo con la prof.Riolo e altri ragazzi.

Appena arrivati ci hanno invitato a sederci ai tavoli con le persone anziane. Abbiamo iniziato a giocare al "gioco dell'oca". C'era un'anziana in particolare che era molto simpatica, continuava a fare battute che facevano ridere un sacco!

Il secondo gioco a cui abbiamo giocato è stato "Briscola". C'era un anziano molto forte, infatti ha vinto lui.

Il terzo gioco a cui abbiamo giocato è stato il gioco dove bisognava indovinare le frasi mancanti.

Devo dire che è un'esperienza da rifare!

Giovedì, 18 Maggio 2017 15:05

TRENTO FILM FESTIVAL

 LE CLASSI PRIME HANNO PARTECIPATO ALLE ATTIVITA' DEL  FILM FESTIVAL DELLA MONTAGNA.

 

ECCO ALCUNI COMMENTI DEI RAGAZZI DELLA 1B :

Lunedì, 08 Maggio 2017 15:21

INCONTRO CON L'AUTORE LORENZO IERVOLINO

Venerdì 28 aprile abbiamo incontrato Lorenzo Iervolino, l'autore di un libro di cui abbiamo molto discusso in classe. Io non ho mai avuto l'occasione di leggere questa storia e, prima della lunga chiacchierata con lo scrittore, non avevo mai preso in considerazione l'idea di farlo. In effetti i libri che trattano argomenti storici non mi hanno mai attirato, tuttavia approfondire come si è sviluppato il racconto e ascoltare alcuni degli interessantissimi fatti che il libro contiene, mi ha molto incuriosito. Lorenzo Iervolino è infatti riuscito ad avere la mia attenzione per due ore intere e, cosa ancora più incredibile, a farmi realmente interessare ad un episodio storico. Mi ha inoltre colpito sapere come lui sia riuscito ad avere tutte le informazioni per scrivere questa storia e reputo veramente fantastico che sia riuscito a mettersi in comunicazione con i due miti che hanno dato una scossa alle Olimpiadi, senza usare alcun tipo di violenza. E' strano pensare che tutto il libro sia nato da una semplice immagine, ed è anche questo che mi attira... credo proprio che lo leggerò.

LIDIA RACHELE

Il giorno 28 aprile è venuto nella nostra classe uno scrittore che io stimo un sacco., perchè ha scritto un libro che mi è piaciuto molto e che porterò all'esame. Ci ha raccontato degli episodi che ha vissuto, visto e narrato nel suo fantastico libro. Per me è un onore leggere il suo libro che parla del razzismo. Alla fine dell'incontro Lorenzo Iervolino ci ha autografato il libro e ci ha detto che non riusciva a fare un autografo senza scrivere una frase.

NADIA K.

«Mostrano sempre l'immagine. Ma non raccontano mai la storia» : Questa è l'idea di partenza del libro che vede protagonisti Tommie Smith, Peter Norman e John Carlos, gli atleti vincitori della finale dei 200 metri piani alle Olimpiadi di Messico 1968. Lorenzo Iervolino ha ricostruito la storia ditrero questa immagine  andando a ripercorrere le storie personali dei tre corridori prima e dopo quel famoso 16 ottobre.

 

 

 

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Succ. > Fine >>
Pagina 6 di 8